Asplanchna, il rotifero a bolla che terrorizza gli specchi d’acqua

Asplanchna, il rotifero a bolla che terrorizza gli specchi d’acqua

Asplanchna è un genere di rotiferi d’acqua dolce dalla forma estremamente caratteristica: l’animale appare come una bolla, i tessuti sono particolarmente trasparenti e si riescono ad apprezzare alcune interessanti strutture interne. Questo genere di rotiferi, Asplanchna, appartiene alla classe monogonta.

Asplanchna
Asplanchna

Scopri altri articoli sullo zooplancton —> Zooplancton

Morfologia

Le dimensioni di questo animale variano da 0,3 a 2 millimetri circa, ovvero 300-2000 micron, a volte addirittura oltre. L’evidente trasparenza del corpo è dovuta alla mancanza della lorica. Questa è una struttura di rivestimento a scopo protettivo di cui molti rotiferi sono muniti. La sua assenza comporta un minor grado di difesa dai predatori, ma anche una maggiore flessibilità corporea.

Asplanchna rotifero a bolla
Asplanchna

Non di sole alghe vive l’Asplanchna…

La maggior parte dei rotiferi è classificata come consumatrice di fitoplancton e/o batteri. In effetti, la struttura masticatoria è assai robusta: il mastax o ventriglio, così è chiamata, riesce a rompere le membrane cellulari delle piccole prede con agilità e ciò comporta spesso un netto vantaggio nella competizione alimentare.

Nel caso di questo particolare genere, non si può parlare delle classiche strutture che caratterizzano il phylum Rotifera: la corona ciliare, ovvero le ruote di ciglia che convogliano il cibo, non sono molto sviluppate. La cattura delle prede è facilitata dall’uso diretto del mastax come fosse una pinza (più precisamente, buona parte dell’azione è sostenuta dai trofi, le parti rigide chitinose). Inoltre non sono presenti zone di defecazione: l’alimento non digerito viene espulso dalla stessa apertura da cui è entrato.

… ma di rotiferi e grossi protozoi

Rotiferi Brachionidi, forse Keratella
Rotiferi Brachionidi, forse Keratella

In effetti il sostentamento di questo rotifero gigante è in parte basato su prede sostanziose: colonie di alghe o addirittura altri rotiferi e grossi protozoi. Una interessante ricerca analizza la relazione tra la presenza di Asplanchna e la morfologia del rotifero Brachionus calyciflorus.

Ne emerge che, nel “piccolo” Brachionus viene indotto lo sviluppo di spine difensive.

—> La ricerca “Asplanchna-induced spine development in Brachionus calyciflorus”

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *